COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Gramigna

Che cos’è la gramigna?

Gramigna è il nome comune con cui si fa riferimento a varie piante dei Generi Agropyrum e Cynodon (ma anche di altre graminacee) della Famiglia delle Poacee. Due specie molto diffuse sono Agropyrum repens e Cynodon dactylon: Agropyrum repens (detta anche gramigna dei medici, caprinella, dente canino), cresce in gran parte del nostro emisfero nei luoghi erbosi e nei campi; Cynodon dactylon, più conosciuta, è un’erba perenne diffusa in quasi tutto il mondo, in grado di crescere anche in luoghi sabbiosi, aridi e inospitali, è una pianta infestante che risulta dannosa per le coltivazioni per la rapidità con cui si sviluppa e per la difficoltà con cui si estirpa.

A cosa serve la gramigna?

Grazie ai componenti chimici che la caratterizzano (polifenoli, saponine, mucillagini, ecc) la gramigna è una pianta con diverse proprietà benefiche: in particolare è nota per le sue caratteristiche diuretiche e antinfiammatorie. Queste sue proprietà la rendono un’alleata contro le infezioni dell’apparato urinario come cistiti e disuria, e nella prevenzione della formazione di calcoli renali. Tradizionalmente la gramigna viene inoltre utilizzata come rimedio in caso di dolori reumatici, gotta, disturbi cutanei di vario tipo e tosse in quanto avrebbe proprietà lenitive per le mucose grazie alle mucillagini in essa contenute.

Avvertenze e possibili controindicazioni

Data la funzione diuretica della gramigna è bene che ci si astenga dal consumo di questa sostanza in caso di squilibrio idroelettrolitico; in caso di patologie renali; in caso di edemi dovuti a insufficienze cardiache e/o renali e di ipersensibilità certa o presunta verso uno o più componenti della pianta. A scopo cautelativo è bene non assumere prodotti contenenti gramigna durante il periodo della gravidanza e dell’allattamento. L’assunzione di gramigna è risultata interagire dal punto di vista farmacologico con i farmaci diuretici: tale associazione è sconsigliata perché aumenta il rischio di squilibrio idroelettrolitico per somma degli effetti. 

 

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici