COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Deidroepiandrosterone

Che cos’è il deidroepiandrosterone?

Il deidroepiandrosterone (DHEA) è un ormone naturalmente prodotto dall’organismo e sintetizzabile in laboratorio.

A cosa serve il deidroepiandrosterone?

Il DHEA è il precursore di androgeni ed estrogeni. I suoi livelli diminuiscono dopo i trent’anni di età e in associazione con alcune condizioni, come la depressione. Per questo la sua assunzione viene proposta per combattere l’invecchiamento, migliorare le capacità cognitive negli anziani e rallentare la progressione di Alzheimer e Parkinson, contro disfunzioni sessuali, infertilità, depressione, schizofrenia e per ridurre i sintomi della menopausa. Inoltre viene proposto per migliorare le performance atletiche (ma il Comitato Olimpico ne vieta l’uso), per prevenire l’ostruzione delle arterie, il cancro, il diabete e la sindrome metabolica, per combattere il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjogren, l’osteoporosi, la distrofia miotonica, la fibromialgia, la sclerosi multipla, la malattia di Addison, la sindrome da affaticamento cronico, le malattie intestinali infiammatorie, i danni muscolari da esercizio, i sintomi dell’astinenza, l’artrite reumatoide e l’atrichia del pube e per aiutare la perdita di peso.

Non risulta che l’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) abbia approvato claim che giustifichino queste o altre proposte d’uso.

Avvertenze e possibili controindicazioni

Il deidroepiandrosterone può ridurre l’efficacia di anastrozolo, exemestane, fulvestrant, tamoxifene e letrozolo. Inoltre potrebbe aumentare l’efficacia o gli effetti collaterali dei farmaci modificati dal citocromo P450 3A4 e del trizolam. La sua efficacia può invece essere ridotta dall’insulina.

L’uso del DHEA sembra essere sicuro almeno nel breve termine, ma può essere associato a effetti collaterali come acne, perdita dei capelli, fastidi allo stomaco, pressione alta, alterazioni del ciclo mestruale, irsutismo e, nel caso delle donne, aumento della profondità della voce. Inoltre potrebbe essere pericoloso se assunto a dosi elevate per un lungo periodo.

Il DHEA può interferire con la terapia insulinica ed essere controindicato in caso di terapia insulinica, gravidanza e allattamento, condizioni sensibili agli ormoni, livelli di colesterolo buono bassi, problemi al fegato, depressione e disturbi dell’umore e sindrome dell’ovaio policistico.

 

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il   parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici