COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

D-tagatosio

Che cos’è il D-tagatosio?

Il D-tagatosio è uno zucchero semplice. Dal punto di vista chimico si tratta di un epimero del D-fruttosio, cioè una molecola che differisce da questo zucchero solo per la distribuzione spaziale degli atomi legati ad uno specifico atomo di carbonio.
È stato scoperto all’interno di un essudato dell’albero del cacao (Sterculia setigera) e può essere ottenuto a partire dal D-galattosio.

 

A cosa serve il D-tagatosio?

Il D-tagatosio è dolce quasi tanto quanto il saccarosio (il comune zucchero da tavola, formato dall’unione di glucosio e fruttosio), ma apporta meno della metà delle calorie. Viene utilizzato sia come dolcificante sia come additivo per stabilizzare, conferire umidità e migliorare la texture e la produzione di generi alimentari.
L’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) ha approvato il claim secondo cui il consumo di cibi o bevande contenenti D-tagatosio in sostituzione di altri zuccheri, contribuisce al mantenimento della mineralizzazione dei denti riducendo la loro demineralizzazione. Per poter utilizzare questo claim è però necessario che le quantità di D-tagatosio aggiunte a cibi e bevande siano tali da non ridurre il pH della placca al di sotto di 5,7 sia durante che nei 30 minuti successivi al loro consumo.
Inoltre l’Efsa ha autorizzato il claim secondo cui i cibi e le bevande contenenti D-tagatosio in sostituzione di altri zuccheri inducono un minore aumento del glucosio nel sangue dopo il loro consumo rispetto ai cibi e alle bevande contenenti altri zuccheri; il D-tagatosio aiuta quindi a ridurre la risposta glicemica post-prandiale. Per poter utilizzare questo claim è però necessario che le quantità di D-tagatosio aggiunte a cibi e bevande siano tali da ridurre il contenuto di zuccheri della quantità specificata dell’Allegato al Regolamento (CE) N. 1924/2006.

 

Avvertenze e possibili controindicazioni

L’assunzione di D-tagatosio fino a dosi di 15 grammi al giorno (in particolare, 0,25 g per kg di peso corporeo al giorno) sembra essere sicura. A dosi pari o superiori a 30 grammi al giorno potrebbe invece scatenare lievi fastidi gastrointestinali, come nausea, diarrea o flatulenza.
Il D-tagatosio è controindicato in caso di intolleranza ereditaria al fruttosio.

 

 

Disclaimer  

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il   parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai   consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici