COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Granseola o grancevola

Che cos’è la granseola?

La granseola (o granceola, o grancevola; nome scientifico Maja squinado) è un crostaceo simile a un grosso granchio, e può raggiungere dimensioni di 20 cm. Vive nell’Oceano Atlantico e nel Mar Mediterraneo. In Italia è particolarmente abbondante nelle acque settentrionali del Mar Adriatico e nelle zone lagunari; non a caso “granseola” deriva dalla fusione delle parole venete “granso” e “seola”, “granchio cipolla”. Questo crostaceo viene però chiamato anche in molti altri modi a seconda della regione in cui ci si trova: in Liguria è il faolo (o grittun), in Friuli Venezia Giulia è il granzo (o musciarola), in Toscana è la margherita, e poi ancora marmottam pilargiu in Sardegna, suenne in Puglia e tarantula in Sicilia.

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 g di granseola apportano circa 80 Calorie e:

  • circa 80 g di acqua
  • 1,80 g di carboidrati
  • 15,10 g di proteine
  • 0,90 g di lipidi
  • 320 mg di fosforo
  • altri minerali (potassio, sodio)

 

 

Quando non mangiare la granseola?

Non risultano interazioni tra il consumo di granseola e l’assunzione di farmaci o altre sostanze. In caso di dubbio è bene chiedere consiglio al proprio medico.

 

 

Stagionalità della granseola

I mesi migliori per acquistare la granseola sono dicembre, gennaio, aprile e maggio. La granseola è presente in commercio sia come prodotto della pesca sia come prodotto di allevamento.

 

 

Possibili benefici e controindicazioni della granseola

Il consumo di granseola permette di rifornire l’organismo di proteine di buona qualità assumendo pochi grassi. Inoltre aiuta a soddisfare i fabbisogni quotidiani di fosforo (importante per la salute di ossa e denti) e di potassio (che controllando frequenza cardiaca e pressione del sangue aiuta a ridurre il rischio cardiovascolare).

 

Non bisogna però dimenticare che i crostacei sono fonti di colesterolo e che la granseola contiene quantità elevate di sodio. Entrambi questi nutrienti devono essere assunti con moderazione per non mettere in pericolo la salute di cuore e arterie: infatti il colesterolo, accumulandosi nella parete delle arterie, aumenta il rischio di aterosclerosi e di tutte le sue conseguenze. Un eccesso dl sodio può invece aumentare la ritenzione idrica, promuovendo edemi e ipertensione.

 

 

Disclaimer
Le seguenti informazioni rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici