COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Carambola

Che cos’è la carambola?

La carambola è il frutto dell’Averroha carambola, specie appartenente alla famiglia delle Oxalidaceae. Originaria della penisola malese, è coltivata in diverse aree del Sudest asiatico, nelle isole del Pacifico, in Cina, in Brasile e negli Stati Uniti.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali della carambola?

100 g di carambola apportano 31 Calorie e:

  • 6,73 g di carboidrati
  • 1,04 g di proteine
  • 0,33 g di lipidi
  • 2,80 g di fibre
  • 34,4 mg di vitamina C
  • 0,15 mg di vitamina E
  • 0,367 mg di niacina
  • 0,017 mg di piridossina
  • 0,016 mg di riboflavina
  • 0,014 mg di tiamina
  • 61 UI di vitamina A
  • 12 µg di folati
  • 133 mg di potassio
  • 12 mg di fosforo
  • 10 mg di magnesio
  • 3 mg di calcio
  • 2 mg di sodio
  • 0,12 mg di zinco
  • 0,08 mg di ferro

La carambola è inoltre una fonte di flavonoidi (in particolare di quercetina, epicatechine e acido gallico), per un totale di 143 mg di flavonoidi ogni 100 g di frutto.

 

Quando non mangiarla?

La carambola può interferire con molti farmaci, aumentando gli effetti avversi o la tossicità inibendo l’enzima citocromo P450 3A4 nell’intestino e nel fegato. Per questo è bene chiedere consiglio al proprio medico sui rischi associati al suo consumo.

 

Periodo reperibilità/stagionalità

La reperibilità della carambola dipende dal paese di origine.

 

Possibili benefici e controindicazioni

Il consumo di carambola aiuta ad aumentare l’apporto di fibre, alleate della salute intestinale e cardiovascolare. Mangiare carambola aiuta inoltre a fare il pieno di antiossidanti, dalla vitamina C ai flavonoidi, che aiutano a proteggere le cellule dai radicali liberi. Le vitamine del gruppo B agiscono invece come cofattori per diversi enzimi. Infine, il potassio apportato da questo frutto contribuisce al controllo del battito cardiaco e della pressione arteriosa.

La carambola è uno dei frutti più ricchi di ossalati, molecole che possono promuovere la formazione di calcoli e interferire con l’assorbimento di importanti nutrienti, come calcio e magnesio.

 

Disclaimer

Le seguenti informazioni rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici