COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Farro

Che cos’è il farro?

Con il termine farro si indicano tre specie di frumento che rispondono ai nomi scientifici di Triticum dicoccum, Triticum monococcum e Triticum spelta; la varietà più diffusa in Italia è il Triticum dicoccum. La coltivazione del farro è andata riducendosi nel corso dei secoli, ma grazie all’importanza che riveste dal punto di vista nutrizionale negli ultimi anni se ne sta riscoprendo il consumo.

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 grammi di farro cotto in acqua senza aggiunta di sale sviluppano 335 Calorie e contengono approssimativamente:

  • 10 g di acqua
  • 15 g di proteine
  • 2,5 g di lipidi
  • 67 g di carboidrati
  • 58 g di amido
  • 2,7 g di zuccheri solubili
  • 7 g di fibre
  • 18 mg di sodio
  • 440 mg di potassio
  • 43 mg di calcio
  • 0,7 mg di ferro
  • 420 mg di fosforo
  • niacina (o vitamina B3)

 

Quando non mangiare il farro?

A oggi non sono note interazioni tra il consumo di farro e l’assunzione di farmaci o altre sostanze.

 

Stagionalità del farro

Il farro, poiché viene commercializzato essiccato, è acquistabile tutto l’anno ed è di facile reperibilità nel mercato italiano.

 

Possibili benefici e controindicazioni

Grazie al contenuto di fibre il farro è lassativo e risulta depurativo per l’organismo. Grazie al suo potere saziante viene spesso introdotto nelle diete dimagranti con l’obiettivo di limitare le quantità di cibo e di calorie introdotte durante i pasti. Le fibre in esso contenute contribuiscono anche a ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e il conseguente rischio cardiovascolare (beneficio potenziato dalla presenza di niacina) e aiutano a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri e il conseguente rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.
Il farro contiene glutine e non può quindi essere consumato dai celiaci o da chi soffre di intolleranza al glutine. Poiché risulta lassativo, ne è sconsigliato l’uso in soggetti con problemi intestinali come la colite.

 

 

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici