COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Ricostruzione mammaria


La ricostruzione mammaria è l'intervento che permette al chirurgo plastico di ricostruire la mammella demolita, in parte o in tutto, in seguito all'ablazione di un tumore.

Che cos'è la ricostruzione mammaria?

La ricostruzione mammaria non è un intervento standard. Tutto dipende dalle caratteristiche del tumore asportato, dalla necessità di fare o meno cure radioterapiche successive, da come è avvenuto l'intervento demolitivo e per finire dalle caratteristiche anatomiche della paziente.

Come si svolge la ricostruzione mammaria?

Se è stata eseguita solo una quadrantectomia, cioè se è stata eliminata solo una parte della mammella, si può usare la ghiandola residua per ricostruire il cono mammario e sistemare correttamente l'areola. Se esiste anche un'asimmetria di volume si può eseguire una mastoplastica di adeguamento contro-laterale. In ogni caso, dopo l'intervento oncologico e le eventuali cure radiologiche si può eseguire il lipofilling per correggere eventuali deformità residue.

La ricostruzione cambia se è stata eliminata tutta la mammella. In questo caso, di solito si provvede a impiantare un espansore, che creerà i tessuti di rivestimento per contenere poi la protesi; in casi selezionati è possibile ricostruire direttamente la mammella con una protesi riuscendo quindi ad evitare un intervento chirurgico. Ancora, in alcuni casi la ricostruzione avviene con i cosiddetti tessuti autologhi, cioè "attingendo" a porzioni di muscolo addominale o del gran dorsale.

A seconda della tipologia di intervento ricostruttivo, si sceglie l'anestesia generale o quella locale.

Quali sono i pro e i contro della ricostruzione mammaria?

Non ci sono aspetti negativi nel sottoporsi a un intervento ricostruttivo, perché i materiali utilizzati per la ricostruzione non interferiscono in alcun modo con la diagnosi, né con la possibile evoluzione della malattia. È invece importante decidere la tempistica: immediatamente o in un secondo tempo, in base a un'attenta valutazione con il senologo.

La ricostruzione mammaria è dolorosa e/o pericolosa?

L'intervento di ricostruzione mammaria non è né doloroso, né pericoloso. Anzi, le donne di solito sono felici di sottoporsi a un intervento ricostruttivo, perché recuperare l'integrità fisica è un passaggio decisivo per sentirsi veramente guarite.

Quali pazienti possono effettuare il trattamento?

Pazienti che hanno subito un intervento oncologico alla mammella e che vengono selezionate dal senologo e dal chirurgo plastico, alla luce dell'età, della malattia e delle caratteristiche psicologiche.

Follow-up

I controlli oncologici proseguono generalmente per tutto il corso della vita. Invece, per quanto riguarda l'intervento ricostruttivo, bisogna ricordare che la mammella ricostruita, soprattutto se è stata ricostruita con una protesi, invecchia diversamente da quella sana. Per mantenere nel tempo un buon risultato estetico possono pertanto essere necessarie alcune revisioni.

Quali sono le norme di preparazione per la ricostruzione mammaria?

Prima dell'intervento la paziente viene sottoposta a esami del sangue, elettrocardiogramma, radiografia al torace, ecografia della mammella, mammografia e visita dell'anestesista.

Unità Operative