COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Fototerapia per la cura della psoriasi

La fototerapia per la cura della psoriasi comprende:

 

 


Elioterapaia

L'elioterapia è la più comune terapia per la psoriasi. I raggi UV, sia nella banda UVA sia UVB esercitano un'azione riducente per la psoriasi. I raggi UV, infatti, producono la dimerizzazione del DNA dei cheratinociti, bloccando temporaneamente le mitosi. Come conseguenza, il ciclo reduplicativo dei cheratinociti si riporta a valori normali e la chiazza psoriasica scompare. Lo spettro di radiazioni solari agisce meglio che le singole radiazioni UV artificiali, pertanto si può ritenere l'esposizione alla luce solare una vera e propria terapia per la psoriasi. L'elioterapia va eseguita preferibilmente in ambiente marino, dove è più facile trascorrere molte ore senza indumenti. Vanno evitati l'eritema solare e scottature che indurrebbero un'esacerbazione della psoriasi. L'elioterapia può essere svolta, forzatamente, sul Mar Morto dove la radiazione UVA è particolarmente intensa e dove la salinità del mare agisce da potente decappante.


UVB fototerapia a banda larga

La fototerapia con raggi UVB a banda larga, (lunghezza d'onda 290-320 nm), è stata per anni la terapia ospedaliera della psoriasi, specie in associazione con l'applicazione di catrame minerale. Oggi è pressoché abbandonata, poiché richiede tempi lunghi per indurre la remissione delle lesioni.


UVB fototerapia a banda stretta

Questa terapia richiede il trattamento con lampade che emettono nella banda UVB di 311 nm. Questa metodica, pur dando risultati apprezzabili, richiede anch'essa tempi lunghi ed è meno efficace della PUVA terapia.


PUVA fototerapia

Questa metodica combina una fototerapia con raggi UVA (lunghezza d'onda 320-400 nm) con lo psoralene metoxalene. Il metoxalene causa una fotosensibilizzazione, ed é assunto oralmente due ore prima della fotoesposizione. La PUVA terapia agisce sia bloccando la sintesi del DNA, e quindi la proliferazione cellulare, sia sopprimendo la risposta immunologica cellulo-mediata totale. Il rischio maggiore della PUVA terapia è lo sviluppo di carcinomi spinocellulari.


Terapia Bath PUVA

Per diminuire il rischio di effetti sistemici dovuta alla somministrazione orale di psoralene, in questa metodica il farmaco è applicato per via cutanea, in lozione o disciolto direttamente in una vasca d'acqua dove il paziente si immerge prima dell'esposizione ai raggi UVA. Anche questa metodica non è scevra da rischi, quali reazioni di fototossicità localizzata e pigmentazione a chiazze.
Attualmente l'uso dei raggi ultravioletti è molto più limitato rispetto al recente passato, sia per i problemi di carcinogenesi fotoindotta, sia perché queste metodiche sono considerate troppo lunghe e costose.