COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Cefprozil

Il Cefprozil è un antibiotico appartenente al gruppo delle cefalosporine di seconda generazione. Rispetto ad altre cefalosporine di seconda generazione risulta leggermente meno attiva verso i batteri Gram-positivi ma più efficace sui Gram-negativi come le Enterobacteriaceae, Haemophilus influenzae, Moraxella catarrhalis.
Agisce inibendo la sintesi della parete batterica: come le altre cefalosporine, questo antibiotico ha la capacità di legarsi agli enzimi transpeptidasi che servono per creare i legami fra le catene di peptidoglicano (il polimero indispensabile per la costituzione della parete batterica); l’inibizione delle attività delle transpeptidasi compromette la stabilità della parete batterica, comportando la morte delle cellule batteriche in crescita.

 

A cosa serve Cefprozil?

La somministrazione di Cefprozil è indicata per le seguenti infezioni provocate da batteri sensibili alle cefalosporine: infezioni urinarie; infezioni delle basse vie respiratorie (comprese bronchiti e polmoniti non complicate); infezioni delle alte vie respiratorie (comprese faringiti, tonsilliti, sinusiti e otiti medie); infezioni di cute e annessi.

 

Come si assume Cefprozil?

Il Cefprozil viene assunto per via orale (a stomaco pieno) sotto forma di compresse e di polvere per sospensione orale.
Effetti collaterali di Cefprozil
Il trattamento a base di Cefprozil risulta generalmente ben tollerato. Gli effetti avversi più comuni – che sono stati riscontrati più frequentemente nei bambini rispetto agli adulti – sono:

  • disturbi gastrointestinali: nausea, vomito, diarrea, dolori addominali;
  • anomalie nella funzionalità renale: lieve innalzamento dei valori di azotemia e di creatininemia;
  • anomalie nella funzionalità epatica: aumento delle transaminasi sieriche (SGOT, SGPT); aumento della bilirubina, aumento della fosfatasi alcalina;
  • anomalie ematologiche: temporanea leucocitopenia ed eosinofilia;
  • disturbi a carico del sistema nervoso centrale: vertigini, iperattività, cefalea, irritabilità, insonnia, stato confusionale, sonnolenza;
  • reazioni di ipersensibilità: eritema, orticaria;
  • disturbi dermatologici: eritema da pannolino e superinfezione; prurito genitale.

 

Controindicazioni e avvertenze di Cefprozil

Generalmente l’impiego di Cefprozil, data l’assenza di studi sufficienti sul suo profilo di sicurezza sul feto, durante la gravidanza risulta controindicato: in caso di urgenza o reale necessità può essere somministrato, ma solo sotto rigoroso controllo medico.
Poiché l’effetto sui bambini allattatati al seno non è noto, si consiglia cautela nel somministrare il Cefprozil alle madri che allattano.
Particolare attenzione deve essere riposta nella somministrazione di questo farmaco in combinazione con antibiotici aminoglicosidici: l’uso contemporaneo di cefalosporine e aminoglicosidici può infatti provocare nefrotossicità.
Durante la somministrazione di questo farmaco è bene tenere sotto controllo la funzionalità renale e quella epatica.