COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Cardiochirurgia mininvasiva

Alcune procedure cardiochirurgiche possono essere eseguite attraverso una tecnica mininvasiva. La cardiochirurgia mininvasiva (MIS o MICS) punta a eseguire un intervento che, seppur mantenendo la stessa qualità e sicurezza di un approccio tradizionale, ne riduca al contempo il trauma chirurgico, il dolore e le possibili complicanze, con particolare attenzione a un recupero funzionale più rapido e a un miglior risultato estetico.
La maggior parte dei pazienti candidati a questo tipo di intervento può oggi contare su operazioni sicure ed efficaci; è tuttavia indispensabile una valutazione del profilo pre-operatorio al fine di pianificare meglio l’intervento nonché valutare la fattibilità tecnica. 

Quali sono gli approcci principali per la cardiochirurgia mininvasiva?

A seconda del tipo di intervento la procedura può essere svolta attraverso una mini-toracotomia destra di circa 5 cm, per l’accesso alla valvola mitrale e/o tricuspide, e tutta la patologia a carico delle cavità atriali (difetti interatriali, forami ovali pervi etc.) o mini-toracotomia sinistra per la patologia di pertinenza ventricolare sinistro (malattia delle coronarie, impianto di elettrodi stimolatori etc.). La patologia di pertinenza della valvola aortica e/o dell’aorta ascendente può essere approcciata attraverso una mini-sternotomia, che limita la apertura dello sterno a circa metà della sua lunghezza, preservando la stabilità della porzione non interessata o attraverso una minitoracotomia anteriore destra.

In tutti i casi di chirurgia mininvasiva può essere opportuno l’isolamento dei vasi femorali attraverso una piccola incisione inguinale di circa 3 cm per l’istituzione della circolazione extracorporea. 

Quali sono i vantaggi dell’approccio mininvasivo?

In generale, l’approccio mininvasivo garantisce la stessa qualità e sicurezza di un approccio tradizionale e ne riduce al contempo il trauma chirurgico, il dolore e le possibili complicanze legate all’intervento, con particolare attenzione a un recupero funzionale più rapido e a un miglior risultato estetico.

La pratica di questi approcci, ormai più che ventennale nel nostro Centro, ci permette di garantire risultati ottimali a lungo termine, del tutto sovrapponibili a quelli della chirurgia tradizionale.  

L’approccio mininvasivo è doloroso o pericoloso?

In generale l’intervento chirurgico può essere associato a diverse complicazioni come sanguinamento, infezioni, danno neurologico, scompenso cardiaco e infarto peri-procedurale. Altre complicanze meno gravi consistono in infiammazioni e versamenti delle pleure, fibrillazione atriale, dolore, scarso appetito, febbricola.

Normalmente il rischio di morte associato a questa procedura è inferiore al 3%, ma per ogni singolo paziente è necessaria una valutazione del rischio, tenendo in considerazione età, condizioni generali e le patologie associate.

Tuttavia, in pazienti selezionati, l’approccio mininvasivo ha dimostrato la capacità di ridurre l’incidenza di alcune complicanze, favorendo una più pronta ripresa della normale attività funzionale.