COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Gotta

Che cos' è la gotta?

La gotta è una malattia del metabolismo, caratterizzata da attacchi ricorrenti di artrite (dolore, arrossamento e gonfiore a livello articolare) causati del deposito di cristalli di acido urico nelle articolazioni.

È una forma complessa di artritee che colpisce, in circa il 75% dei casi, le articolazioni dell'alluce (per questo è volgarmente detta podagra). Colpisce più frequentemente gli uomini, sebbene l'incidenza sulle donne aumenti drasticamente con la menopausa. Gli attacchi in forma acuta sono estremamente dolorosi.

Quali sono le cause della gotta?

La gotta si verifica quando i cristalli di acido urico si depositano nelle articolazioni, causando infiammazione e dolore intenso.

I cristalli si formano a causa dell'alta concentrazione di acido urico nel sangue. Normalmente, l'acido urico nel sangue viene eliminato attraverso i reni; un accumulo eccessivo (iperuricemia) può derivare dal fatto che il corpo ne produce troppo o che i reni non riescono a smaltirne in quantità sufficiente, attraverso l'urina.

Tra le cause di iperuricemia ricordiamo alcune malattie ereditarie, determinati tumori, l'insufficienza renale, l'ipertensione arteriosa, gli alcoolici, l'obesità ed alcuni farmaci.

Quali sono i sintomi della gotta?

I sintomi della gotta sono quasi sempre molto evidenti e spesso si presentano in maniera piuttosto improvvisa.

  • Dolore acuto alle articolazioni: il dolore è generalmente più acuto fra le 12 e le 24 ore dopo la comparsa dei primi sintomi. Gli attacchi di infiammazione articolare di solito durano alcuni giorni e migliorano spontaneamente; con il passare del tempo si intensifica però la frequenza e la durata degli attacchi con l'interessamento di un maggior numero di articolazioni. L'articolazione alla base dell'alluce è la più frequentemente colpita. Possono essere interessate anche le articolazioni dei polsi, caviglie, talloni, ginocchia, dita delle mani, gomiti.
  • Gonfiore ed arrossamento: le articolazioni colpite si arrossano, si gonfiano e diventano più sensibili.

Nei soggetti con malattia di lunga durata e non trattata può svilupparsi la gotta tofacea. I tofi sono noduli di cristalli di acido urico circondati da tessuto infiammatorio e fibroso; sono quindi noduli duri al tatto e dolorosi. Le sedi più colpite sono le strutture intorno alle articolazioni, il lobo delle orecchie ed i reni.

Diagnosi 

Esistono vari metodi per diagnosticare con certezza la gotta:

  • Uricemia: la concentrazione di acido urico nel sangue può essere determinata con un semplice esame del sangue.

  • Analisi del fluido articolare: il prelievo di un campione di liquido (artrocentesi) può essere eseguito dal medico in anestesia locale per mezzo di un ago, per essere sottoposto all'analisi microscopica.

  • Radiologia: le radiografie possono evidenziare i cristalli di acido urico e gli eventuali danni ossei correlati.

Trattamenti 

Lo scopo della terapia è innanzitutto quello di trattare i sintomi ed i segni dell'attacco acuto. Inoltre, la terapia contribuisce alla prevenzione dei nuovi attacchi ed a ridurre il rischio di ulteriori complicazioni, come la formazione di tofi.

L'applicazione di ghiaccio sulle articolazioni interessate, anche più volte al giorno, può contribuire ad alleviare i sintomi. 

La scelta dei farmaci per l'attacco acuto dipende da vari fattori che devono essere considerati caso per caso.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) costituiscono la terapia di prima scelta nella maggioranza dei pazienti, mentre la colchicina, gravata da maggiori effetti collaterali, è una valida alternativa nelle persone che non tollerano i FANS (ad es. nei casi di insufficienza renale, gastriti od ulcere gastriche, allergia ai FANS).

Nei pazienti con controindicazioni sia all'uso dei FANS che della colchicina, si possono utilizzare i farmaci corticosteroidei, anche per via intraarticolare.

Altri farmaci sono utili per prevenire ulteriori attacchi di gotta in quanto contribuiscono a normalizzare l'uricemia. Tra questi l'allopurinolo ed il febuxostat agiscono limitando la produzione di acido urico mentre il probenecid ed il sulfinpirazone migliorano la capacità dei reni di smaltire attraverso le urine l'acido urico presente nel sangue.

Prevenzione

Alcuni accorgimenti possono limitare il rischio della comparsa di gotta o prevenire eventuali nuove fasi acute.

  • Bere dai 2 a 4 litri al giorno di liquidi (preferibilmente acqua) aiuta i reni a smaltire l'acido urico, con l'accorgimento di evitare, per quanto possibile, le bevande dolci.
  • Limitare o, se il medico lo ritiene opportuno, evitare del tutto il consumo di alcolici.
  • Mantenere una dieta bilanciata, che comprenda giuste porzioni di frutta, verdura e non contempli eccessive porzioni di grassi.
  • Mantenere il peso corporeo entro i limiti consigliati dalle linee guida.