Come ciò che mangiamo influisce sulla nostra memoria e sul funzionamento del nostro cervello? Ne ha parlato la dottoressa Elisabetta Menna, Ricercatrice di Humanitas e dell’Istituto di Neuroscienze del Cnr, in un’intervista a Fuori TG, una rubrica del TG3.

Mirtilli, cioccolato, ortaggi, curcuma, cereali integrali, noci: sono alcuni degli alimenti amici della memoria. Sono alimenti con proprietà antiinfiammatoria e neuro-protettiva, fondamentali per preservare una buona memoria e possono aiutare a prevenire e rallentare l’insorgenza delle malattie del cervello. La curcumina contenuta nella curcuma, gli acidi grassi (omega 3 e 6) e le vitamine contenute nelle noci; i flavonoli del cacao e gli antiossidanti dei mirtilli.

Una dieta ricca di frutta e verdura, che comprenda anche questi alimenti, insieme ad attività fisica e al continuo allenamento della mente permette di proteggere la funzionalità del nostro cervello, ma è importante iniziare fin da giovani.

L’importanza della prevenzione fin da giovani

“Si parla spesso di prevenzione dei tumori e delle malattie cardiovascolari mentre ci si concentra meno sulla prevenzione delle malattie del cervello, invece è altrettanto importante prima di arrivare a uno stadio di patologia conclamata dove chiaramente non si può fare a meno dei farmaci”, ha sottolineato la dottoressa.

I segnali da non sottovalutare

Dimenticare un nome, non ricordarsi dove si sono messe le chiavi sono imprevisti che possono capitare a tutti. È bene però porre attenzione e questi segnali e se si prolungano nel tempo parlarne con il proprio medico, ha consigliato la dottoressa.

Guarda l’intervista alla dottoressa Menna, clicca qui