COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Cardiologo elettrofisiologo

L'elettrofisiologia cardiaca è una branca innovativa della medicina che si occupa dell'interazione tra l'elettrofisiologia e la cardiologia.
L'elettrofisiologia è la branca della fisiologia che si occupa dello studio dei fenomeni elettrici associati al funzionamento degli organismi viventi, mentre la cardiologia è la branca della medicina che si occupa dello studio della fisiologia e della patologia del cuore: l'elettrofisiologia cardiaca si occupa dunque di studiare e trattare i disturbi connessi al funzionamento elettrico del cuore.

 

Di cosa si occupa il cardiologo elettrofisiologo?


Il cardiologo elettrofisiologo è il medico che si occupa di studiare le disfunzioni elettriche che riguardano il cuore, ovvero le aritmie cardiache, e quindi tutte le forme di extrasistoli, tachicardie, bradicardie e fibrillazioni.

 

Quali sono le patologie più spesso trattate dal cardiologo elettrofisiologo?

Le patologie più spesso trattate dal cardiologo elettrofisiologo sono le aritmie, anche complesse, in particolari quelle ventricolari, che costituiscono il principale oggetto di studio di questa branca della medicina; il cardiologo elettrofisiologo si occupa anche di extrasistoli, tachicardie, bradicardie e fibrillazione.

 

Quali sono le procedure più utilizzate dal cardiologo elettrofisiologo?

Le procedure più utilizzate dal cardiologo elettrofisiologo sono la valutazione e il trattamento delle aritmie cardiache tramite:

  • studio elettrofisiologico;
  • ablazione transcatetere;
  • impianto di elettrostimolatori cardiaci;
  • impianto di defibrillatori;
  • trattamento dello scompenso cardiaco;

Le procedure vengono per lo più eseguite con metodo non chirurgico attraverso cateteri posizionati nel cuore per via percutanea (transvenosa e transarteriosa).

 

Quando chiedere un appuntamento al cardiologo elettrofisiologo?

È bene chiedere un appuntamento con il cardiologo elettrofisiologo tutte le volte che lo prescrive il proprio medico di medicina generale.
È consigliabile inoltre chiedere un appuntamento con il cardiologo elettrofisiologo quando sopraggiungono inaspettatamente sintomi quali tachicardia (o cardiopalmo/palpitazione), bradicardia, battito irregolare, difficoltà nella respirazione, dolori al petto, senso di debolezza, vertigini, affaticamento dopo minimi sforzi, perdita di coscienza; nel caso in cui i test diagnostici abbiano rilevato anomalie tali da far sospettare la presenza di disturbi a livello cardiaco; ogni volta che si manifestano nuovi sintomi connessi alla patologia di cui si soffre.