COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Fertility Center

Strumenti utili

Legislazione

Anche se la maggior parte della storia della medicina della riproduzione è stata scritta nel XXI secolo, quello dell'infertilità è un problema cui la scienza cerca di porre rimedio da molto più tempo. I primi tentativi di procreazione medicalmente assistita risalgono al XIX secolo e hanno vissuto una vera e propria esplosione durante la Seconda Guerra Mondiale, quando i soldati statunitensi, dal fronte, inviavano il proprio sperma alle mogli perché potessero dar loro, seppur lontani, dei figli. Nonostante difficoltà e critiche, la scienza ha continuato a progredire sino a portare, il 25 luglio 1978, alla nascita di Louise Brown, la prima bambina al mondo concepita con la tecnica della fecondazione in vitro.
Per molti anni sino al 2004 in Italia, in assenza di una Legge che definisse l'accesso alle tecniche di Riproduzione Assistita, la materia era disciplinata dalle norme previste dal Codice Deontologico dell'Ordine dei Medici, che sanciva alcuni divieti assoluti come la clonazione, la maternità surrogata, la gravidanza oltre i 51 anni della donna. Alcune pratiche erano invece sancite da norme Ministeriali. Nel marzo 2004, viene approvata la Legge 40, che regola l'accesso e le procedure di PMA.
 
La Legge 40 consente l'accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita alle coppie eterosessuali, sposate o conviventi, cui siano stati diagnosticati problemi di sterilità o di infertilità non risolvibili con altre terapie o cure. Entrambi i componenti della coppia devono essere maggiorenni ed in età fertile. Non sono consentite né la fecondazione eterologa, né la clonazione, la manipolazione del patrimonio genetico degli embrioni o la sperimentazione sugli embrioni stessi, fatta eccezione, in assenza di metodologie alternative, per la ricerca e la sperimentazione finalizzate alla tutela della salute e dello sviluppo dell'embrione. La Legge non consentiva la crioconservazione degli embrioni e obbligava al trasferimento consensuale di un massimo di 3 embrioni.
La Corte Costituzionale nel maggio 2009, abolendo l'articolo 14 della legge 40, ha autorizzato la crioconservazione embrionaria per consentire alla coppia di ottenere le migliori probabilità di successo e ridurre il rischio correlato alle gravidanze multiple, ribadendo "l'autonomia e la responsabilità del medico" nello stabilire quanti embrioni trasferire e conferma l'abolizione del divieto di diagnosi preimpianto sull'embrione (malattie genetiche).

Gli effetti della Legge 40 dopo la Sentenza della Corte Costituzionale (15 maggio 2009)

A livello concreto, Nel Nostro Paese persiste solo il divieto di fecondazione eterologa. Numerosi ricorsi presso Tribunali hanno sostenuto l'incostituzionalità del divieto ed una prima Sentenza della Corte Costituzionale non ha definito ancora una posizione.