Torna da venerdì 28 a domenica 30 settembre l’annuale appuntamento con la Giornata del Ciclamino, organizzata dal Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia (GILS) in più di cento piazze italiane.

Simbolo della giornata il ciclamino, fiore rappresentativo dell’Associazione, che verrà offerto al pubblico e grazie ai fondi così ricavati si sosterrà la ricerca scientifica nei confronti della sclerodermia (o sclerosi sistemica).

“Dal 2008 a oggi abbiamo potuto investire oltre 1.500.00 di euro in progetti scientifici e quest’anno l’obiettivo della raccolta fondi è quello di aiutare a finanziare altri due progetti di ricerca. Si tratta di due progetti molto importanti: il primo, a tema libero sulla patologia, è di 30.000 euro ed è riservato a un giovane ricercatore sotto i 40 anni; il secondo, da 20.000 euro, coinvolgerà almeno tre centri di riferimento per favorire la condivisione e il lavoro in rete che è alla base di progetti fondamentali come le Scleroderma Unit e ScleroNet”, ha spiegato Carla Garbagnati Crosti, presidente del GILS.

Humanitas partecipa a “Ospedali aperti” con visite gratuite

La Giornata del Ciclamino prevede anche il progetto “Ospedali Aperti”: i Centri aderenti su tutto il territorio nazionale offriranno visite di controllo gratuite.

Anche Humanitas partecipa all’iniziativa offrendo capillaroscopie gratuite venerdì 28 settembre dalle 9 alle 12. I cittadini che hanno avuto episodi in cui le dita sono diventate bianche e fredde o viola e blu, avranno un consulto specialistico con il professor Carlo Selmi, Responsabile di Reumatologia e Immunologia clinica in Humanitas e docente dell’Università degli Studi di Milano, e la dottoressa Maria De Santis, reumatologa in Humanitas.

“Un segno caratteristico della sclerodermia è il fenomeno di Raynaud, che si manifesta con un tipico pallore delle dita delle mani, qualche volta anche dei piedi, dovuto alla diminuzione dell’afflusso di sangue alle dita, seguito in genere da un colorito bluastro e poi rossastro e si accompagna, generalmente, a una diminuzione della temperatura cutanea, a dolore e ad alterata sensibilità”, spiega il professor Selmi.

Per partecipare occorre registrarsi al seguente link:

Giornata del Ciclamino

 

Per sottoporsi all’esame bisogna non aver effettuato manicure nei 30 giorni precedenti.

L’accettazione potrà essere effettuata mezz’ora prima rispetto all’orario dell’appuntamento agli sportelli degli ambulatori A, presso il Building 2.

La sclerosi sistemica, una malattia rara

“La sclerosi sistemica è una malattia reumatica a carico del tessuto connettivo, coinvolge il sistema vascolare, la cute (sclerodermia significa infatti pelle dura) e gli organi interni. Colpisce in particolare le donne, soprattutto fra i 40 e i 50 anni, ed è una patologia immunomediata e dunque implica un’attivazione infiammatoria del sistema immunitario. È una malattia rara, la cui genesi è multifattoriale, anche se la sua insorgenza è in genere associata alla produzione di autoanticorpi specifici (ovvero anticorpi che si dirigono verso l’organismo stesso).

La sclerodermia necessita di una diagnosi precoce al fine di predisporre un trattamento tempestivo; si tratta infatti di una malattia invalidante e che presenta un rischio di mortalità. Ecco perché è importante sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alla diagnosi precoce e raccogliere fondi per la Ricerca, proprio come avviene con la Giornata del Ciclamino.

Humanitas partecipa inoltre al progetto ScleroNet coordinato dal GILS, insieme ad altri centri lombardi. Si tratta di una rete tra strutture Ospedaliere e Universitarie ad alta specializzazione per questa patologia, con l’obiettivo di creare una sinergia che possa migliorare la qualità di vita dei pazienti, grazie a percorsi istituzionali condivisi”, ha concluso lo specialista.

Per ulteriori informazioni in merito al progetto consultare www.sclerodermia.net o chiamare lo 800.080.266.