Le malattie reumatiche sono patologie caratterizzate da un processo infiammatorio a carico di articolazioni, legamenti, tendini, ossa o muscoli. Se ne conoscono più di cento, insorgono soprattutto in giovane età, colpiscono prevalentemente le donne e una delle più note è l’artrite reumatoide.

Di malattie reumatiche, con uno sguardo proprio sull’artrite reumatoide, ha parlato il professor Carlo Selmi, Responsabile di Reumatologia e Immunologia clinica in Humanitas, ospite in studio a Buongiorno benessere su Rai1.

“L’artrite reumatoide in genere si manifesta con dolori a livello delle piccole articolazioni delle mani e dei piedi; dolori che hanno caratteristiche diverse dai dolori articolari che comunemente si possono avvertire nel corso della giornata”, ha spiegato il prof. Selmi.

I tre obiettivi del trattamento

“Rispetto al passato, oggi disponiamo di moltissime armi contro questa patologia e riusciamo spesso a prevenirne la progressione. Abbiamo tre obiettivi quando trattiamo l’artrite reumatoide: far star bene le persone che ne soffrono, permettere che continuino a star bene evitando la progressione della malattia, e ottenere i primi due obiettivi al minor prezzo terapeutico possibile, cioè con il minor uso di farmaci possibile.

Non abbiamo a oggi cure vere e proprie, chi ha un’artrite cronica non parlerà mai della malattia al passato, ma disponiamo di mezzi sempre più potenti e personalizzati per ridurre l’impatto che la malattia avrà sul futuro delle persone. Penso ai farmaci biotecnologici, ma anche ai farmaci orali che avremo a breve e a un uso di cortisone per brevi periodi e a basse dosi, che permettono di spegnere l’infiammazione”, ha sottolineato lo specialista.

 

Per vedere l’intera intervista al professor Selmi, clicca qui (dal minuto 21.10).

 

 

Prenota una visita con il prof. Carlo Selmi