COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Acne

L'acne è un'infiammazione dei follicoli pilosebacei che si manifesta principalmente con la comparsa del cosi detto brufolo. Prima si formano i comedoni (i punti neri) poi si formano le papule o pustole (brufoli) e, nei casi più gravi, è possibile che evolva in noduli o cisti. Le lesioni dell'acne si localizzano al volto, collo, torace e dorso. Pur non essendo un disturbo grave, l'acne, quando si verifica in forma severa, può indurre cicatrici inestetiche e permanenti. Sia l'acne sia le cicatrici derivate possono influenzare in modo negativo la psiche.

Che cos'è l'acne?

L'acne si distingue principalmente in acne giovanile o adolescenziale e in acne tarda o tardiva, cioè post adolescenziale o dell'adulto.

L'acne giovanile, che compare al momento dello sviluppo sessuale, può guarire dopo questo periodo o perdurare nell'adulto.
L'acne tarda o tardiva compare nell'adulto anche senza aver sofferto di acne giovanile.
Dal punto di vista clinico, si parla di acne comedonica, cistica, conglobata ecc., a seconda che prevalgano comedoni, cisti ecc.

Quali sono le cause dell'acne?

La comparsa degli ormoni nel periodo dell'adolescenza causa l'aumento di volume delle ghiandole sebacee e l'inizio della produzione del sebo. Il sebo è una secrezione oleosa, che serve a proteggere la cute dalle infezioni. In alcuni soggetti maggiormente predisposti, il sebo svolge un'azione irritante e induce la formazione del comedone o punto nero.
Il comedone è come un tappo, che impedisce lo scorrimento del sebo dalla ghiandola alla superficie della cute. I grassi che compongono il sebo, ristagnando, si degradano e diventano irritanti. Si sviluppano in eccesso i batteri. Infine, può avvenire una distruzione del follicolo con la formazione della relativa cicatrice.
La causa più importante dell'insorgenza dell'acne è la familiarità, cioè una predisposizione specifica a sviluppare questo disturbo. Intervengono poi fattori esterni come l'igiene, l'inquinamento ambientale, i disordini di alimentazione e, soprattutto, lo stress. Lo stress può far peggiorare l'acne ed il peggioramento dell'acne può provocare stress: si crea così un circolo vizioso.
Al contrario di quanto si crede comunemente, alimenti molto grassi quali cioccolato, insaccati, formaggi, non creano l'acne. Tuttavia, un'alimentazione troppo calorica, soprattutto negli adolescenti, può far peggiorare un'acne già in atto, oltre a far aumentare il peso.
Un altro comportamento che si vede spesso ed è basato su un concetto sbagliato: il paziente con acne cerca di lavarsi con frequenza, spesso con molto sapone, nel tentativo di "asciugare" la cute seborroica e acneica; purtroppo, facendo questo aumenta la secrezione di sebo e l'irritazione, quindi peggiora l'acne. Quando si ha l'acne occorre lavarsi poco, non strofinare ed utilizzare poco sapone. Nei casi con molta infiammazione, poi, il sapone va sostituito con una crema da lavaggio.
Infine, lo schiacciamento dei punti neri o dei foruncoli provoca una diffusione dell'infiammazione, quindi aumenta la possibilità di formazione di cicatrici. Anche la pulizia del volto dall'estetista, che tenta di togliere i punti neri, è da evitare per gli stessi motivi.

Quali sono i sintomi dell'acne?

La comparsa di comedoni o punti neri, di foruncoli, di cisti e di noduli su viso, collo, petto e schiena. Normalmente, non si tratta di una patologia grave ma, nei casi più seri, per evitare la comparsa di cicatrici e segni permanenti, è bene rivolgersi ad uno specialista di dermatologia.

Diagnosi 

La diagnosi è di tipo clinico ed al dermatologo spetta individuare le concause e indagare sui comportamenti sbagliati, al fine poi di consigliare il trattamento più adatto alle esigenze del singolo paziente.

Trattamenti 

Un tempo si pensava che l'acne fosse una malattia causata di batteri presenti nel follicolo (teoria batterica), capaci di produrre acidi grassi dotati di attività infiammatoria. In realtà, studi più recenti hanno dimostrato che i batteri svolgono un ruolo secondario nell'acne e quindi il trattamento con antibiotici non è più indicato. Inoltre, gli antibiotici che si usavano per l'acne erano spesso poco tollerati dal fegato e reagivano con la luce del sole (fototossicità). La cura moderna dell'acne non prevede l'uso di antibiotici, nemmeno per applicazione locale.
Alle ragazze o alle donne che hanno l'acne viene spesso prescritta la pillola contraccettiva semplice, o con aggiunta di antiandrogeni. Questo comportamento terapeutico deriva dalla falsa premessa che l'acne sia causata da una disfunzione degli ormoni sessuali. In realtà, le adolescenti o le donne con acne non hanno affatto disfunzioni ormonali. L'impiego della pillola contraccettiva per la cura dell'acne, oltre a non produrre un significativo miglioramento, espone ai rischi dell'uso di estrogeni e antiandrogeni, fra i quali vi sono aumento di peso, comparsa di cellulite, ipertensione, alterazioni del fegato, pericolo di trombosi. Per questi motivi, non si dovrebbe usare la pillola anticoncezionale nella cura dell'acne femminile.
Viene definita come pillola anti-acne una pillola a base di acido retinoico, un derivato della Vitamina A, che agisce impedendo la formazione dei comedoni e delle cisti che sono alla base dello sviluppo dell'acne. L'acido retinoico è quindi un trattamento specifico ed efficace, che ha tuttavia molti effetti collaterali. Tra i più comuni: secchezza cutanea e degli occhi, mal di testa, aumento del colesterolo, calcificazioni e depressione psichica.
Inoltre, questo farmaco, in caso di gravidanza, può indurre gravi malformazioni fetali. Per questo, l'impiego di acido retinoico per via orale è circoscritto ad alcuni casi particolari. L'acido retinoico funziona anche se applicato direttamente sulla cute acneica, evitando così i problemi di tossicità del farmaco assunto per bocca. Tuttavia, data la sua potente attività, si applica, di solito, una sola volta alla settimana e va integrato con il micropeeling.

Il micropeeling consiste nel frizionare le zone interessate dall'acne con la lozione glicoalcolica composta da acido glicoloco e acido salicilico a bassa concentrazione. Questa lozione disinfetta e aumenta l'azione desquamante, liberando i follicoli dai comedoni e quindi, nel tempo, spegnendo l'acne. Poiché la tecnica del micropeeling non comporta l'uso di farmaci, il trattamento può essere fatto da tutti e protratto anche per anni, cioè fino a che l'acne non regredisce spontaneamente. In accoppata con il micropeeling, nei casi più seri, funziona bene la terapia fotodinamica, una moderna forma di trattamento mediante la luce, utile per ridurre l'infiammazione (nelle forme maggiormente infiammate) e permettere di continuare con il micro peeling.

Prevenzione

Se si è predisposti all'Acne occorre:

  • Evitare di applicare creme sul volto, comprese quelle solari.
  • Non utilizzare trucchi in crema come i fondotinta, ma trucchi minerali.
  • Struccarsi con creme da lavaggio e non con latte detergente
  • Evitare di schiacciare i punti neri ed evitare la pulizia del volto
  • Evitare le forti esposizioni al sole,e le lampade UV

Una volta che l'acne è scomparsa, è possibile continuare un trattamento micro peeling discontinuato per evitare che si formino nuovamente i foruncoli.